MIA SORELLA E’ UN QUADRIFOGLIO

Viola ha una nuova sorellina, Mimosa. E’ contenta, però capisce subito che c’è qualcosa che non va.

 “A casa però qualcosa non andava. Il papà una sera non è tornato a dormire. La nonna veniva a trovarci spesso e ripeteva che bisognava essere forti, bisognava avere coraggio. L’altra nonna non veniva più a trovarci. Io l’avevo capito da sola che Mimosa era diversa dagli altri bambini. Ma uno non può mica chiedere scusa per quello che è. E’ così e basta. Ieri Martino, che è il mio compagno di classe più odioso, mi ha preso in giro tutto il giorno come fa lui. Siccome io facevo finta di niente alla fine mi ha detto che mia sorella non era normale. Poi è corso via. E comunque ha ragione. Mia sorella non è normale. Lei è speciale. Essere normali vuol dire essere uguali: come fili d’erba, come trifogli in un prato. Mia sorella invece è un quadrifoglio. I quadrifogli sono rari e diversi. Sono rari perchè sono diversi. Sono diversi perchè sono rari. Tutti vorrebbero trovarne uno, ma ci riescono in pochi. I quadrifogli portano fortuna. Noi abbiamo la fortuna di averne uno tutto nostro: Mimosa, il quadrifoglio.

“Mi piace pensare che il mondo sia un posto dove tutti siamo speciali.”

 

Dal libro “Mia sorella è un quadrifoglio” di Beatrice Masini , Svjetlan Junakovic   

 

 

Annunci

5 commenti

Archiviato in medicina, palliative, genitori, malattia, white, B, famiglia, bambini, lutto,family,parents,children

5 risposte a “MIA SORELLA E’ UN QUADRIFOGLIO

  1. Bellissimo ;D!
    Beatrice Masini ha una sensibilità straordinaria!

  2. Rosa

    Abbiamo bisogno di sensibilità e questo libro arricchisce l’anima. Mi piace lasciare una testimonianza del mio pensiero libero. Sono una che conduce un discorso sui diritti negati a chi dopo cure invasive, si riprende la vita. Non voglio parlare di malati….ma di persone speciali che dopo il cancro, devono rivisitare tutti i proponimenti. In questo blog si impara a comunicare….si determina la scoperta interiore, si nutre il profondo “dell’io”. Ed essere accolti con partecipazione è la mia vittoria personale!!!!. In fondo siamo tutti in grado di esprimere solidarietà e un sorriso ci fa inneggiare alla vita. Rosa Mannetta

  3. Berenice

    Anche mia sorella è un quadrifoglio. Ma, in tutta onestà, tale e tanto è stato il dolore che i miei genitori ed io abbiamo vissuto, che posso serenamente dire che quel quadrifoglio non lo avrei voluto. Ora la mia mamma non c’è più (dopo una vita trascorsa a combattere e resistere per la “bambina”, e quante volte ha chiesto al suo Dio di “prendersela”…), mia sorella vive in un istituto e mio papà, da solo, quando riesce la porta a casa per il fine settimana. Io ho 47 anni, la mia famiglia, una figlia, un marito. E una malattia seria, “figlia” di tanta fatica. No, avrei preferito che fossimo tutti trifogli. E a volte serve anche che qualcuno lo dica. Con tutto il rispetto e l’ammirazione e la stima per chi la pensa diversamente.
    Berenice

    • Francesco

      Ciao Berenice, anch’io come te ho una sorella disabile dalla nascita, una madre che combatte e soffre per/con lei ogni giorno, pregando anche lei il suo Dio di portarla li in cielo. A differenza tua non ho famiglia ne figli, ho 35 anni ma sono cose che vedo lontano anni luce. Ho vissuto e vivo una vita di sofferenze e bugie, di rinuncie e di dolore. Non ho alcuna ambizione nella vita se non quella di vivere una vita NORMALE, da trifoglio.

      • Ciao Francesco, grazie mille per la tua testimonianza, preziosa e molto importante. “Ho vissuto e vivo una vita di sofferenze e bugie, di rinuncie e di dolore”. Credo che parlarne potrebbe aiutare sia te che molte persone che si trovano nella tua situazione. Berenice ha in qualche modo con le sue parole contribuito ad aprire una porticina verso la realtà dei fratelli che crescono all’ombra di questa situazione che li opprime. Ne avevamo parlato (https://fondazionemaruzza.wordpress.com/2012/03/15/diversamente-fratelli/) grazie alla lettera di una mamma di tre bimbi uno dei quali con disabilità. Esiste anche un sito specifico per sorelle e fratelli di persone con disabilità, dove si trova la storia, le attività e le testimonianze di chi vive le medesime problematiche (siblings.it). Mi farebbe piacere riparlarne insieme qui. Quando vuoi 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...