Archivi tag: padre

LUNA E IL SILENZIO

Un padre che impara ad apprezzare il silenzio da sua figlia Luna, la quale a causa della sindrome di Angelman non può parlare e presenta un ritardo cognitivo e di movimento. Una figlia “simpatica, testarda, buffa, insopportabile, bella e dolcissima”. Un futuro segnato ed imprevedibile. Ci si convive, ha i suoi lati sorprendenti, ci sono dei pezzi di serenità che i genitori di Luna hanno imparato a riconoscere e ad apprezzare.

“Toglietevi quel mezzo sorriso di finta empatia” sottolinea Igor Salomone, padre di Luna. “Spesso si incrocia il pietismo dei passanti, che non è forse un termine giusto perchè la reazione delle persone difronte alla disabilità è più un imbarazzo per condizioni che ci mettono in difficoltà perchè producono comportamenti rispetto ai quali noi non sappiamo come reagire.

La cosa più bella che Luna ha insegnato a suo padre? Il rapporto col tempo e col silenzio. “Con Luna mi godo dei silenzi che non sono privi di comunicazione”.

“Ho capito che il problema di fare delle cose insieme che sono delle cose che da sola lei non farebbe, ma che non farei neanche io da solo, sono quindi delle novità che riusciamo a fare solo grazie al fatto che le condividiamo, le facciamo insieme. La disabilità ci mette in difficoltà perché non sappiamo come reagire, come rapportarci”.

Il libro “Con occhi di padre”, che ci racconta questa storia, è speciale.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in medicina, palliative, genitori, malattia, white, B, famiglia, bambini, lutto,family,parents,children

…spazio ai papà

La forza che ho dentro

Dopo Iacopo e Gianni il Signore, Plinio ci ha donato.
Per gli altri due tanto abbiamo sognato
ma poiché niente è per scontato
a 18 mesi il DIABETE a Plinio gli è arrivato.
Tutto è ormai finito, tutto è ormai sparito
finché il babbo e la mamma non AVRAN CAPITO.
Non sognare, non progettare
MA IMPARA AD ACCETTARE, se vuoi pregare,
ma di sicuro tutta la vita lo dovrai curare.
Piangi pure ma a Plinio non far vedere
il tuo dispiacere,
per non farlo ricadere.
Bimbo mio, quanto amore sta nel babbo e nel nuovo dottore.
Nella tua vita ci sarà
tanta gioia e serenità.

Iacopo Ortolani, “Rima Per Plinio”

Quella scritta da Iacopo è la storia di un bambino di appena 18 mesi, Plinio, che ha rischiato di morire a causa di una diagnosi di diabete non riconosciuta. È la storia di due genitori che hanno visto il loro bambino quasi andarsene per una diagnosi sbagliata ed un intervento tardivo. È la storia di una famiglia messa a dura prova da un evento inaspettato che li ha colti impreparati, di un peregrinaggio forzato da una clinica all’altra per mezza Italia, della paura e della speranza che resiste anche alle evidenze più sconcertanti. È la storia di quello che per i genitori di Plinio, Iacopo e Brunella, fu “un miracolo” compiuto grazie alla professionalità dei sanitari del Meyer di Firenze che hanno in parte recuperato una situazione che appariva ormai compromessa, portando il bambino al risveglio ed al progressivo recupero. È la storia di Plinio, un bambino oggi come molti altri, anche se deve essere monitorato costantemente, anche fino a 15 volte ogni giorno.

BUON WEEKEND A TUTTI,

CON IL CUORE VERSO CHI VIVE QUESTE REALTA’ E LOTTA TENACEMENTE

CON UN PENSIERO D’AFFETTO PER TUTTI QUEI BIMBI CHE SOFFRONO, MA SANNO SORRIDERE ANCORA

CON UN OCCHIO DI RIGUARDO VERSO I FRATELLI DI QUESTI BIMBI

CON RISPETTO E AMMIRAZIONE VERSO CHI E’ IN GRADO DI CONVERTIRE IL PROPRIO DOLORE, LA RABBIA IN PROGETTI SOCIALI

White B.

Lascia un commento

Archiviato in medicina, palliative, genitori, malattia, white, B, famiglia, bambini, lutto,family,parents,children